TOSCA

download.jpg

 

Genova – Torna al teatro Carlo Felice ” Tosca” di G.Puccini su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa gia apprezzata nella scorsa stagione da pubblico e critica.

Regia, scene e luci sono firmate da Davide Livermore.

La “prima” sarà mercoledì 4 maggio alle 20.30; le repliche saranno venerdì 6 maggio alle 20.30, sabato 7 e domenica 8 alle 15.30.

Lunedì 2 maggio, alle ore 17.30, alla libreria La Feltrinelli è in programma “Un Pomeriggio all’Opera”, incontro con gli artisti di Tosca, a cura di Massimo Pastorelli.

Sul podio, a dirigere l’Orchestra del Teatro Carlo Felice, sarà Dimitri Jurowski, direttore russo giovane ma già di ampia esperienza internazionale, dal 2011 direttore artistico e direttore principale dell’Orchestra Sinfonica della Città di Mosca.

L’opera si avvale di due cast prestigiosi, che si alterneranno nelle recite: Amarilli Nizza e Virginia Tola.

La scenografia è costituita principalmente da una piattaforma triangolare inclinata che, in piena simbiosi con la grande macchina scenica del teatro, è in grado di girare e rivelare allo spettatore punti di vista sempre nuovi.

Una Tosca cinematografica quindi, sulla quale si posa uno sguardo che ricorda il grande schermo e trova il suo punto di forza nel palco girevole.

Livermore riesce così a creare uno spazio in cui le emozioni si fanno fisiche, per un’opera che è già di per sé costruita con un taglio che precorre il cinema, piena di colpi di scena che creano uno stato di sospensione emotiva.

Tra melodie che sono entrate nella storia dell’opera lirica (Vissi d’arte, Recondita armonia, E lucevan le stelle) e sentimenti universali, «Tosca – afferma Dimitri Jurowski, a cui è affidata la direzione dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice – è una delle opere più emozionanti di Puccini, Il nostro compito è quello di creare un’atmosfera musicale che possa toccare tutti i sentimenti del pubblico».

La musica, infatti, e’ straordinariamente ricca di melodie, e viene esposta con una concezione “sinfonica”, superando del tutto la barriera delle “forme chiuse” propria dell’opera italiana sette- ottocentesca. La musica e’ quindi fluida e continua, segue magistralmente il dipanarsi della storia associando ad ognuno dei personaggi o ad ognuno degli stati d’animo dei semplici motivi melodici.

L’opera, scritta da Puccini a ridosso del grandissimo successo della Boheme, è una storia d’amore e di morte ricca di colpi di scena, ambientata in una Roma angosciata dall’eco della Rivoluzione Francese e dal fallimento della Repubblica Romana.

Tosca è una «giovane innamorata che si abbandona completamente al sentimento», L’amore, in cui si insinua il desiderio di Scarpia (Angelo Veccia), è quello per Mario Cavaradossi, interpretato da Francesco Meli.

Genovese, il tenore debutta nel ruolo proprio al Teatro Carlo Felice.

La sua voce sonora e dotata di lucentezza offrirà forse «una visione diversa di Cavaradossi. La mia lettura – afferma – è sempre molto intimistica. Cerco di affidarmi molto alla musica e un po’ meno alla sola vocalità. Debuttare a Genova è una cosa che mi rende felice e orgoglioso».

Nel libretto di Illica e Giacosa i momenti forti non si contano.

La tortura di Cavaradossi e la sua fucilazione in scena, la libidine sfrenata di Scarpia, il salto nel vuoto di Tosca dai bastioni di Castel Sant’Angelo; si può dire che l’opera sia una magnifica ghirlanda di romanze, di arie, di liriche mirabilmente saldate insieme con un prezioso tessuto connettivo da un prestigioso uomo di teatro che quelle romanze, quelle oasi verdi ed olezzanti metteva al punto giusto, nel punto talvolta più nevralgico dell’opera d’arte.

Lara Calogiuri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...