ITALIA ONLUS

PUBBLICATO SU:http://www.liguria2000news.com/genova-refugees-welcome-italia-onlus-ospitalita-domestica-per-rifugiati-e-richiedenti-asilo.html

 

 

 

refugees-welcome-it.png

 

 

Refugees Welcome Italia Onlus, ospitalità domestica per rifugiati e richiedenti asilo.

Mercoledì 10 maggio 2017 alle ore 17.00, la cittadinanza è invitata a partecipare alla presentazione del progetto Refugees Welcome Italia Onlus, una piattaforma web dedicata all’ospitalità domestica di rifugiati e richiedenti asilo, al Museoteatro della Commenda di Prè, salone primo piano. L’evento è organizzato dai volontari genovesi di Refugees Welcome Italia Onlus, in collaborazione con Mu.MA e Cooperativa Solidarietà e Lavoro, ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Refugees Welcome Italia vuole diffondere sull’intero territorio nazionale una modalità di accoglienza familiare, da affiancare e integrare alle modalità già esistenti. L’accoglienza domestica può essere un’esperienza di reciproco scambio, di conoscenza e responsabilità favorendo l’incontro tra culture e persone differenti e creando così reti sociali e nuovi processi di inclusione.

L’iniziativa è volta a far conoscere Refugees Welcome, progetto nato a Berlino nel 2014, operativo in Italia da dicembre 2015, e a Genova da gennaio di quest’anno. Grazie al lavoro volontario e autofinanziato, Refugees Welcome promuove una partecipazione sociale dal basso, contribuendo a creare una diversa cultura dell’accoglienza e nuove possibilità di convivenza, grazie anche alla collaborazione con istituzioni pubbliche e associazioni competenti sui temi dell’accoglienza.

Il programma prevede la presentazione del progetto, delle modalità di registrazione come famiglia ospitante, rifugiato/a o volontario/a attraverso la piattaforma web www.refugees-welcome.it, e la possibilità di incontrare volontari, ospitanti e ospitati già attivi sul territorio. All’evento, presentato da Francesca Martini, referente del Tavolo Genovese di Refugees Welcome Italia Onlus, saranno inoltre presenti, in qualità di sostenitori, Roberto Bertolino dell’Associazione Frantz Fanon di Torino, Andrea Torre direttore del Centro Studi Medì e Michele Corioni della Bottega dell’Anima di via della Maddalena.

La piattaforma è composta da differenti sezioni che garantiscono un’assistenza completa e una guida al processo di accoglienza. Chi decide di intraprendere il percorso di ospitalità può registrarsi al sito offrendo una stanza libera nella propria casa per un periodo che va da tre a sei mesi. La permanenza minima di tre mesi è stata fissata affinché le persone prendano responsabilmente a cuore questa esperienza: in Germania ad esempio, in molti decidono di proseguire la convivenza anche dopo i tre mesi iniziali. La piattaforma attiverà inoltre micro campagne di crowdfunding per aiutare a sostenere economicamente le nuove convivenze.

Una volta ricevuta una sottoscrizione lo staff di Refugees Welcome intraprende un percorso di conoscenza più dettagliata, attivandosi tramite il contatto diretto del candidato ospitante. Per Refugees Welcome è importante conoscere chi offre ospitalità: chi sono, dove vivono, cosa offrono, come intendono gestire i costi di vitto e alloggio del nuovo ospite e soprattutto cosa si aspettano da questa esperienza. Per far questo sono necessarie competenze, ma soprattutto persone: Refugees Welcome attiva continuamente processi di community engagement, per tutti coloro che hanno competenze, professionalità, voglia di dare il proprio contributo come volontari di RWI. E lo fa anche attraverso una partnership con due nuove piattaforme che uniscono tecnologia e facilitano processi di co-creazione per generare impatto sociale positivo.

Quello che desideriamo è un cambiamento a 360° della modalità di accoglienza, vogliamo mettere al centro la persona accolta e la comunità accogliente. La prima non può essere lasciata nel limbo del processo di richiesta senza un supporto amicale, la seconda non può essere spettatrice di una politica di inclusione. Solo nel dialogo tra ospite ed ospitante la nostra società potrà crescere e fiorire” sottolineano Germana Lavagna e Matteo Bassoli, fondatori di Refugees Welcome Italia.

 

LARA CALOGIURI

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...