TRUFFE DIGITALI

PUBBLICATO SU:http://www.liguria2000news.com/truffe-digitali-su-whatsapp-arrivano-anche-da-messaggi-dei-contatti.html

 

2017-05-04T001249Z_687475470_RC11EA26E400_RTRMADP_3_WHATSAPP-OUTAGES-kCFI-U11003739716429jYG-1024x576@LaStampa.it.jpg

 

WhatsApp, da semplice app di messaggistica a occasione per truffare la gente. Stanno crescendo le segnalazioni di raggiri avvenuti attraverso il popolare programma, quindi è stato lanciato un allarme: attenti alle truffe digitali. La trappola scatta facilmente quando le comunicazioni ci arrivano da contatti noti della nostra rubrica. Nel migliore dei casi scatta, attraverso un link fraudolento, l’attivazione di un abbonamento a qualche servizio non richiesto come gli aggiornamenti sul meteo o l’oroscopo del giorno. È il caso del messaggino che invita a provare i nuovi colori di WhatsApp.

Una delle esche più frequenti è però quella dei buoni spesa proposti dalle maggiori catene di supermercati come Carrefour, Eurospin, oppure Coop, fino allo sconto spesa alla Lidl e al Conad per arrivare alle grandi catene dell’elettronica come MediaWorld. Anche i biglietti aerei Ryanair per volare in vacanza sono nell’elenco dei messaggi di raggiro. Al malcapitato del caso viene offerta la possibilità di vincere un buono spesa anche di 250 euro semplicemente partecipando a un sondaggio. Per rispondere a questo sondaggio bisogna cliccare su un link fraudolento che porterà a un sito infettato che farà scattare costosi abbonamenti. La Polizia postale mette periodicamente in guardia da queste insidie sulla propria pagina Facebook che si chiama «Vita da Social».

Inoltre la polizia sta mettendo in guardia anche da un altro caso, molto più grave del precedente è quello in cui si rischia di vedersi svuotare il conto corrente. Infatti, sempre tramite WhatsApp, i truffatori sarebbero addirittura in grado di svuotare il conto bancario delle vittime, usando delle tecniche più complesse e raffinate, ovvero rubando i codici di accesso al conto personale, per prosciugarlo completamente. Sempre attraverso l’invio di un link sullo smartphone della vittima, gli hacker possono installare un virus in grado di accedere e di recuperare tutti i dati personali e bancari del soggetto in questione. Le forze dell’ordine hanno diramato un avviso ai possessori di carte Postepay o Postepay Evolution di prestare attenzione, poiché potrebbero arrivare dei messaggi in cui si avvisa che la propria carta è stata bloccata e che è necessario inserire i propri dati per riutilizzarla: una tattica semplice ma spesso efficace, che viene usata dai criminali per rubare i codici della carta e accedere al conto del malcapitato.

 

LARA CALOGIURI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...