ELEZIONI E I GIOVANI

elezioni.jpg

PUBBLICATO SU: www.liguria2000news

Genova. Elezioni. Ecco perchè i giovani non votano
Genova. Due su tre, fra i giovani , vivono (meglio: risiedono) ancora con i genitori. Il doppio rispetto ai coetanei francesi e tedeschi.In realtà, anche in Italia i giovani vorrebbero diventare autonomi. Dalla famiglia. Come i coetanei di altri Paesi europei. Ma non se lo possono permettere. Perché la legislazione in materia non li aiuta. Mentre i tassi di disoccupazione giovanile non hanno pari, in Europa. Così, quando finiscono gli studi, spesso defluiscono nel mondo dei Neet. Quelli che non studiano e non lavorano. Non perché non vogliano, ma perché non trovano occupazione. Si muovono, invece, nella selva oscura dei lavori intermittenti e precari. Dove riescono a sopravvivere grazie all’appiglio familiare. Al quale ricorrono in caso di emergenza.
Così, nonostante l’età, circa il 40% dei “giovani adulti” ammette di sentirsi spesso “solo”. Molto più, rispetto ai genitori e ai nonni. Ma anche rispetto ai fratelli minori, che hanno meno di 25 anni. Sono “le pene del giovane adulto”. Che, perlopiù, ha concluso gli studi, oppure li prosegue, per non sentirsi “disoccupato”. Magari intermittente o precario. Come, inevitabilmente, avverrà. I giovani nati negli anni Ottanta. Sono divenuti “invisibili”. Mimetici. In continua fuga. Alla ricerca di un lavoro. Un futuro. Ecco perchè i giovani preferiscono non votare.Disaffezione? scarso interesse per i temi? sfiducia nei politici? sono molti i motivi che spingono i più giovani a non interessarsi al tema delle elezioni. “Ci sono movimenti politici capaci di ricevere il riscontro positivo dei giovani e altri meno – spiega l’analista dell’Università di Genova – Ad esempio il Pd e Forza Italia hanno per lo più un elettorato con età alta, oltre i 50 anni. Discorso diverso per quanto riguardo il M5s. In questo caso si tratta di un partito giovane per nascita e questo si riflette anche nella capacità di attirare il voto di chi ha 18-25 anni. Di fatto successe la stessa cosa con la Lega a fine anni 80 e con Forza Italia nelle elezioni del ’94”.Ma questa è una costante nel panorama italiano o una tendenza degli ulti i anni?. “In realtà – spiega il professor Sabatini – è sempre stato così. E’ un elemento storico che si ripresenta a ogni elezione. La poca fiducia è sempre prevalsa in tutte le fasce e anche in quella giovane. Di fatto è un leit motiv”.

(Lara Calogiuri)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...