DELITTO E CASTIGO

delitto-e-castigo-foto-luca-del-pia-in-foto-laterza-palminiello.jpg

PUBBLICATO SU: www.liguria2000news

Genova. Delitto e Castigo, l’opera del regista Bogomolov al Teatro della Corte

Genova. Una nuova lettura di Delitto e castigo, virata alle inquietudini di oggi. E per il regista russo Bogomolov, il protagonista Raskol’nikov è un immigrato. Appuntamento al Teatro della Corte di Genova, da martedì 6 a domenica 11 marzo 2018.
Quarant’anni, moscovita, Konstantin Bogomolov è tra le voci più lucide della scena russa, connotato da uno stile irriverente, provocatorio e contemporaneo. È lui l’artista scelto – in occasione delle celebrazioni per i 40 anni di Emilia Romagna Teatro – per firmare l’allestimento di Delitto e castigo di Fëdor Dostoevskij. Non nuovo ad adattamenti teatrali di Dostoevskij – I fratelli Karamazov e L’idiota tra i suoi precedenti lavori – Bogomolov affronta il romanzo allontanandosi dalle influenze formali di ambientazione russa e da tutto ciò che storicamente, religiosamente e politicamente questa adesione comporterebbe. Per Bogomolov portare in scena Delitto e castigo significa «cercare il modo di rapportarsi a un materiale fortemente arcaico e scoprire come padroneggiare l’inattualità del tema trattato.Il dubbio se sia giusto o meno uccidere non è più un argomento così attuale; ciò probabilmente dipende dal modo in cui la nostra società si sta evolvendo. E’ importante quindi dare nuova linfa a queste domande. Al tempo stesso però ho voluto rispettare la grande ironia che caratterizza Dostoevskij».
Il classico di Dostoevskij è stato riadattato per la scena dallo stesso regista: non riscritto ma tagliato e ricomposto cercando dunque di riportarlo all’oggi. A partire dal protagonista, Raskol’nikov, che diventa per Bogomolov «un immigrato africano, indolente e privo di qualsiasi ideologia, che si rende colpevole di omicidio uccidendo una donna bianca e sua figlia».Lo spettacolo è prodotto da Emilia Romagna Teatro Fondazione ed è interpretato da un cast interamente Italiano, composto da Anna Amadori, Marco Cacciola, Diana Höbel, Margherita Laterza, Leonardo Lidi, Paolo Musio, Renata Palminiello ed Enzo Vetrano. La scena e i costumi sono curati da Larisa Lomakina, mentre le luci sono di Tommaso Checcucci. La versione Italiana dello spettacolo è curata da Emanuela Guercetti.

(Lara Calogiuri)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...