PREMIO PAGANINI

violini-2.jpg

PUBBLICATO SU: www.liguria2000news

Genova. Premio Paganini 2018

Genova. A distanza di tre anni torna nella Superba la 55esima edizione del Premio Paganini, una delle più importanti competizioni violinistiche mondiali, fondata nel 1954 con l’obiettivo di scovare giovani talenti. Dopo l’ultima edizione del 2015, vinta dal coreano In Mo Yang, la competizione fa ritorno a Genova con le fasi finali da giovedì 5 a sabato 14 aprile 2018. Sei giornate di musica, tra il Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi e il Teatro Carlo Felice, dove competeranno 29 giovani concorrenti provenienti da tutto il mondo. Tutto è partito dalle preselezioni, svoltesi tra Genova, Vienna, New York, Guangzhou e Mosca da agosto a ottobre 2017. 108 i candidati, di cui solo 29 hanno avuto accesso alle finali: tra questi c’è una forte presenza orientale: nove giapponesi, tre cinesi e due sudcoreani. Dei rimanenti, sei arrivano dagli Stati Uniti, tre dalla Russia, due dall’Ucraina.
Cambia il direttore artistico in questa edizione del Premio Paganini 2018 a Genova. Al posto di Fabio Luisi subentra Giuseppe Acquaviva, già direttore artistico del Teatro Carlo Felice. La giuria, presieduta da Sergey Krilov, è composta da Dimitri Berlinsky, Big Huang (vincitrice del premio Paganini 1994), Heiner Madi, Svetlana Makarova, Daniel Smith e Anna Tifu. Con il Premio Paganini 2018, Genova si conferma città della musica e si coccola uno dei maggiori esponenti della musica nel mondo e innovatore della tecnica violinistica. Paganini nacque infatti proprio a Genova nel 1782 e qui lasciò in eredità il suo celebre violino Cannone. Altri due eventi sono in arrivo nei prossimi mesi, dal Paganini Festival, dal 27 al 29 ottobre 2018 alla mostra Paganini Rock Star a Palazzo Ducale. Sempre più giovane, come afferma Elisa Serafini, assessore alla cultura e turismo del Comune di Genova:«Il Premio è cambiato nel corso degli anni: quello del 2018 sarà un premio Paganini sempre più internazionale e sempre più giovane, con un’età media dei partecipanti che si è ulteriormente abbassata. I giovani vincitori, oltre ai premi previsti dal bando, avranno la possibilità di partecipare a concerti all’estero, grazie ai rapporti di collaborazione con l’Orchestra Filarmonica di Mosca, e uno in Cina nella città di Chengdu». Scalpita anche il maestro Acquaviva: «Mi auguro che questa edizione proclami un podio di giovani violinisti di assoluta eccellenza», ma non nasconde il suo amore per l’Italia: «Ovviamente facciamo tutti il tifo per il nostro candidato italiano Giuseppe Gibboni».

(Lara Calogiuri)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...