AN AMERICAN IN PARIS

th77L9NLFI.jpg

 

Genova. An American in Paris al Carlo Felice, il musical apre la stagione 2018/19

Genova. Venerdì 12 ottobre 2018, alle ore 20, il Teatro Carlo Felice di Genova inaugura la stagione 2018/19 di Opera, Musical e Balletto con la prima messa in scena italiana di uno spettacolo di grande successo internazionale: An American in Paris (fino al 21 ottonbre), musical play in due atti su musiche di George Gershwin. Prodotto originariamente a Broadway da Stuart Oken, Van Kaplan e Roy Furman attraverso uno speciale accordo con Elephant Eye Theatrical & Pittsburgh Clo e il Théâtre du Châtelet di Parigi (dove ha debuttato trionfalmente nel 2014), il musical ha spopolato negli Usa e a Londra, aggiudicandosi 4 Tony Award, gli Oscar del teatro.
Il Teatro Carlo Felice, in collaborazione con WEC World Entertainment Company, lo presenta al suo pubblico in un nuovo, sfolgorante allestimento con la regia e le scene di Federico Bellone (apostolo del musical in Italia) e le coreografie di Fabrizio Angelini. Insieme a loro, una affiatata squadra di lavoro ormai da anni consacrata al musical. Il cast è composto infatti dalle punte di diamante italiane nel campo del musical, genere che non necessita solo di bravi interpreti, ma di artisti poliedrici in grado di cantare, recitare e ballare: Giuseppe Verzicco, Marta Melchiorre, Simone Leonardi, Tiziano Edini, Alice Mistroni, Donatella Pandimiglio, Mimmo Chianese, Marco D’Alberti, Annamaria Schiattarella. Gershwin compose An American in Paris nel 1928, dopo un soggiorno nella capitale francese a lungo desiderato: Parigi, per lui, era una città artisticamente e culturalmente mitica, la capitale della musica moderna dove vivevano e lavoravano Ravel e Stravinskij, i compositori che idolatrava. Pensò l’opera come un poema sinfonico di una ventina di minuti che descrive la passeggiata di uno scanzonato turista americano tra le strade trafficate della ville lumière; un brano solo strumentale, dunque, basato su un fischiettante walking theme, stagliato sul paesaggio dei suoni e dei rumori cittadini (i famosi clacson dei taxi che si sentono all’inizio), e su un malinconico blues che, all’americano in viaggio di apprendistato nella vecchia Europa, rievoca la patria lontana. Ma Gershwin per primo era consapevole di aver composto, in realtà, una musica narrativa, che tendeva ad andare al di là di se stessa, potenzialmente teatralizzabile, tanto che definì la partitura un «balletto rapsodico».Oltre al poema sinfonico originario e a brani dal Concerto in Fa per pianoforte orchestra, il musical comprende molte altre musiche di Gershwin, praticamente tutte le più celebri canzoni scritte in coppia con il fratello Ira, autore dei testi:I Got Rhythm, The Man I Love, Liza, ’S Wonderful, Shall We Dance?, But Not For Me, I’ll Build a Stairway to Paradise, They Can’t Take That Away from Me.

(Lara Calogiuri)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...