GALLIERA

20170322151223-galliera_osp.jpg

PUBBLICATO SU: www.liguria2000news

Genova. Galliera, pronto soccorso pieno. Il Diar: “I pazienti non si sentano in pericolo”

Genova. “Non venite in Pronto Soccorso inutilmente”. Oggi sul tema è intervenuto il Dott. Angelo Gratarola.
Il coordinatore del Dipartimento Regionale Emergenza-Urgenza pur confermando che l’alta frequenza nei pronto soccorso nazionali, possa essere causa di molti disagi, sgombera il campo da eventuali equivoci. “I pazienti non devono temere di essere in pericolo se vi é sovraffollamento in un determinato Pronto Soccorso”, chiarisce Gratarola.
“Non è corretto – spiega – chiedere ai pazienti di decidere autonomamente se recarsi o meno al Pronto Soccorso”. Stando infatti a quanto affermato dall’esperto del Diar non sarebbe competenza del malato autovalutare il proprio stato di salute: “Sarebbe pericoloso poiché, lasciare indietro anche un solo caso grave, sancirebbe il fallimento del sistema nel suo complesso”.
Il rapporto ricoveri-posti letto è una tematica senza dubbio attuale, il Diar emergenza conferma di lavorare di concerto con tutti i responsabili dei Pronto Soccorsi cittadini e regionali per far fronte ai problemi. “Cercheremo insieme strategie per rendere piu funzionale l’accesso e sempre meno gravose le permanenze”, assicura Gratarola.
Il Diar emergenza, in ultima istanza, segnala la presenza di un’area che collega i Pronto Soccorso e il territorio, coordinata dallo stesso Dott. Cremonesi, che ha il preciso compito di tessere e ricucire il tessuto sanitario tra le due parti, favorendone così l’impiego delle risorse nel modo piu congruo.

(Lara Calogiuri)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...