SALOME’

SALOME-Eros-Pagni-e-Gaia-Aprea-foto-di-FABIO-DONATO-1024x683.jpg

PUBBLICATO SU: www.liguria2000news

Genova. Salomè, in scena il capolavoro di Oscar Wilde con Eros Pagni

Genova. Un monarca corrotto, un impero allo sfascio, una giovane seducente e inafferrabile, per cui tutti, a partire dal patrigno Erode, delirano. Sono questi gli ingredienti di Salomè, l’opera teatrale più poetica e decadente di Oscar Wilde che debutta al Teatro della Corte con Eros Pagni, Gaia Aprea e Anita Bartolucci, diretti da Luca De Fusco.
La storia di derivazione biblica che ha per protagonisti Erode, Erodiade, Giovanni Battista e la stessa Salomè, mantiene il suo fascino immutato proprio come la maliarda danzatrice che nella sua danza mescola mistero e grazia, desiderio e potere, Eros e Thanatos. Su tutto e tutti incombe un’immensa e cangiante luna che sorveglia le umane vicende, quasi presagendone il drammatico epilogo. La danza dei sette veli, la luna incombente: il testo di Wilde si sposa felicemente con quel teatro contaminato da musica e cinema prediletto da Luca De Fusco. «Poche volte si verifica il caso di un titolo tanto noto quanto poco rappresentato – scrive il regista Luca De Fusco – ma Salomè è un grande archetipo, un simbolo eterno di amore e morte. I registri che Wilde usa oscillano tra il drammatico, l’ironico, l’erotico, in una miscela che è molto ambigua e di difficile rappresentazione proprio per i suoi meriti, ovvero per la sua originalità che la fa solo in apparenza somigliare ad una tragedia greca mentre in realtà ci troviamo di fronte a una sorta di poemetto teatrale».
Scritto in Francia nel 1893, la celebre storia biblica di Erode, Giovanni Battista, Erodiade e della danza di Salomè fu subito recepita come un testo di grande poeticità e di enorme carica erotica. Messo in scena per la prima volta a Parigi, Salomè fece subito scandalo. Proprio per quella sua natura ambigua, soffusa di sensualità e peccato, il poema di Wilde ha avuto alterne fortune sceniche. Perché affrontare una sfida così difficile? «Innanzitutto – risponde Luca De Fusco – per il gusto delle sfide. Uno dei modi di innovare il repertorio teatrale è anche quello di rimettere in circolazione testi che ne sono usciti per pigrizia mentale, per abitudine, per poco coraggio, di registi e teatri… È poi nota la mia passione sulle contaminazioni tra teatro, danza, musica, cinema: Salomè, con la sua luna piena incombente e allucinata, con la sua danza dei sette veli, sembra quindi un testo ideale per questo teatro spurio che prediligo da tempo. E affrontiamo la sfida anche perché ci basiamo su un trio di attori di eccezione come Eros Pagni, Gaia Aprea e Anita Bartolucci, che incarnano rispettivamente i ruoli di Erode, Salomè e Erodiade».Da mercoledì 9 gennaio a domenica 20 gennaio Ore 20:30, 19:30, 16:00 al Teatro della Corte.
(Lara Calogiuri)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...