DON GIOVANNI

don-giovanni-met_05.jpg

PUBBLICATO SU: www.liguria2000news

Genova. Don Giovanni di Molière diretto da Valerio Binasco

Genova. Materialista, immorale, sensuale e sfrontato: Binasco spoglia Don Giovanni del romanticismo e lo trasforma in un personaggio del nostro tempo. Da martedì 22 gennaio al Teatro della Corte di Genova, in scenca Don Giovanni di Molière, diretto da Valerio Binasco. La vita, le conquiste, le avventure del seduttore per antonomasia, in una versione contemporanea, vitale e antiretorica. Con questo allestimento del capolavoro di Molière Valerio Binasco si allontana dalla tradizione recente che ci ha abituati a un Don Giovanni emaciato, pre-esistenzialista, malinconico e cerebrale, in linea con le riletture novecentesche dell’opera.
«Ho deciso di lasciar perdere il Cavaliere spagnoleggiante della prima tradizione o la figura vampiresca e tardoromantica che fu cara agli intellettuali del secolo scorso. Per quanto mi riguarda si tratta solo di divagazioni lontane da quella cosa che io chiamo “vita” – per mancanza di terminologia più precisa – e che mi ostino a ricercare in teatro. Cosa cerco? Cerco proprio Lui, il protagonista di questa storia, come posso immaginare che sia stato prima che nascesse la sua leggenda e la sua letteratura. Lo cerco nella vita, più che nel testo». Con queste parole il regista introduce il suo percorso di attraversamento e ripensamento del Don Giovanni. «Se lo cerco nella realtà che mi sta intorno – continua Binasco – Don Giovanni è poco più di un autentico delinquente, non un borghese che si atteggia. È il risultato di desideri compulsivi e viziosi, che coltiva con il preciso scopo di stare bene con se stesso».
Ecco allora un personaggio gaudente, ironico, feroce, cui Gianluca Gobbi dà magistralmente esuberanza fisica e umorale. Accanto a lui il servo Sganarello, che l’ottimo Sergio Romano dipinge con tinte nevrotiche, allucinate, quasi beckettiane. Con un cast calibrato e giovane, il Don Giovanni dispiega una rinnovata vitalità, dai tratti cinicamente contemporanei.

(Lara Calogiuri)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...