IL PASSO DELLA MORTE

enzo-barnaba_1209731_667x333.jpg

PUBBLICATO SU: www.liguria2000news

Genova. Enzo Barnabà presenta il libro Il Passo della Morte

Genova. Venerdì 15 marzo dalle ore 18, presso la Libreria Feltrinelli di Genova (via Ceccardi), Enzo Barnabà presenta il libro “Il Passo della Morte”.
Enzo Barnabà, scrittore di saggi storici e romanzi, è nato a Valguarnera nel 1944, ha studiato lingua e letteratura francese a Napoli e a Montpellier, e storia a Venezia e Genova. È l’autore del primo libro pubblicato in Italia e in Francia sul massacro xenofobo avvenuto nel 1893 ad Aigues-Mortes. Tra i suoi saggi si ricorda : I Fasci siciliani a Valguarnera, Morte agli italiani!. Tra le opere di narrativa: Sortilegi, scritto con Serge Latouche, Il Ventre del Pitone, Il Partigiano di Piazza dei Martiri, Il Sogno dell’eterna giovinezza.
Il libro contiene illustrazioni dipinte dalla pittrice Viviana Trentin, che aveva dimostrato grande interesse per le numerose vicende, molte delle quali quasi sconosciute in Italia, avvenute lungo l’impervio percorso che da Grimaldi conduce oltre confine a Garavan, ribattezzato dai giornalisti negli anni ’50 con il nome di “Passo della Morte“.Tale percorso è frequentato quotidianamente da numerosi migranti, spesso fermati e respinti, una volta raggiunta la Francia, in virtù dell’accordo di Chambery stipulato con il nostro Paese.Enzo Barnabà, che vive a Grimaldi, l’abitato da cui parte il sentiero, ha accettato volentieri la proposta di scrivere sull’argomento allargando la propria riflessione alla storia e all’antropologia.Spostamenti della frontiera, aperture, chiusure e militarizzazioni. L’arrivo degli inglesi: Hanbury e Bennet. I volontari garibaldini imprigionati a Ventimiglia nel 1914. I passaggi degli antifascisti e degli ebrei (leggi razziali).Episodi di guerra e di Resistenza.I migranti morti in frontiera. Le reazioni della popolazione. L’autore del testo è anche africanista ed ha voluto scavare per vedere cosa ci sia dietro i fatti di cronaca, quale sia la paletta delle motivazioni che muovono oggi i migranti. Dare loro voce per informare, per cercare di uscire con lucidità dalla spirale buonismo-cattivismo nella quale la nostra società sembra essersi impantanata rispetto al fenomeno epocale che stiamo vivendo.

(Lara Calogiuri)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...